Argomenti

Balneazione [5]
Casse di Colmata [2]
Cupra Marittima [2]
Grottammare [3]
Motonautica [5]
Pesca [2]
Porto di Porto San Giorgio [1]
Porto di San Benedetto [4]
Porto San Giorgio [1]
Ripascimento [1]
San Benedetto del Tronto [9]
Turismo [8]


Log In

Username:

Password:

Connetti



Meteorivierapicena - Stazione di San Benedetto del Tronto


Rassegna Stampa

Parco Marino, c'è chi protesta: «Risorsa? Sono chiacchiere»
Dura presa di posizione dell'associazione ImpresaPesca aderente a Coldiretti: «Situazione kafkiana, un innamoramento di qualche politico miope. Creare 5 o 6 posti di lavoro per farne sparire 500»

“Trasparenza e partecipazione”: «Massignano rimanga nel Parco Marino»
Il gruppo consigliare di minoranza chiede all'Amministrazione comunale di fare un passo indietro e di confermare l'adesione al progetto dell'Area Marina protetta

Tartarughe marine, a San Benedetto il centro regionale di primo soccorso
Accordo tra Riserva Sentina e Università di Camerino, nella struttura universitaria personale specializzato e attrezzature. Un ottimo riconoscimento per l'Oasi

Sì al Parco Marino, il Comune è contento
Gaspari e Canducci: “Traguardo storico, ora lavoriamo per convincere chi è ancora dubbioso”

Parco Marino, Rossi: «Ora è proprio fatta»
Giovedì pomeriggio l'ok definitivo da Roma, comunica l'ex presidente della Provincia di Ascoli.

«Parco Marino, Celani getti la maschera»
Settimio Capriotti non ha digerito la titubanza del Presidente della Provincia in occasione della trasferta a Roma presso il Ministero dell'Ambiente. «Se questi amministratori non vogliono più starci, escano dall'ambiguità»

Canducci: «Parco Marino un'opportunità. Non sprechiamola»
L'assessore all'Ambiente si augura che il progetto vada a buon fine: «Normali i dubbi, ma non buttiamo a mare anni di lavoro»

PILOTAGASPARI & PENNESIMARCOBOAT

di PGC & SDG

Ufficiale il fidanzamento tra Sindacogaspari e Pennesimarcoboat. Non nascondono, i due, il tenero legame sbocciato nella precedente F1 del mare, consacrato in questi giorni da romantica gita in motoscafo e amorevole presenza di sindacogaspari alle performance dell’amato (“è stato molto emozionante e domani tornerò a seguire la gara”… ).

E impazzano le cronache rosa: foto da innamorati davanti ai fans in delirio, articoli favoleggianti di giro in barca “a dir poco adrenalinico”, di “ebbrezza non facile da provare in mare”.

Per cotanto idillio, nessuna miglior cornice del Powerboat P1, Padre di tutti gli eventi dell’estate sambenedettese e non solo.
Leva alto peana la stampa locale, accomunata senza eccezioni da collettivo orgasmo multiplo in gloria dell’evento e dei suoi protagonisti: sindaco-pilota, facce-da-powerboat, bolidi del mare, elicotteri e motori rombanti…(sic). [ Unica a sparare contro, sempre, Meteoriviera. Bravi.]
Garrule penne nostrane si contendono i dati del “riverbero mediatico” della manifestazione. Registrano, in impettito at-tenti, surreali dichiarazioni di sandridonati (“vetrina mondiale per tutto il territorio regionale”), di raffaelichiulli e asifirangoonwali ( “occasione irripetibile per SBT e tutta la riviera marchigiana”; “stiamo vedendo come Powerboat porti tante persone e turismo”…[sic] ).
Spicca su tutti l’estasiata cronaca della festa di gala nella “principesca cornice della Medusa”, stabilimento che è “quasi riduttivo chiamarlo così”[non è uno scherzo, l’hanno scritto veramente, n.d.A.]: “Accoglienza da mille e una notte”, ostriche e champagne, pesce e buon vino per “gli uomini più veloci che abbiano mai solcato i mari del mondo” (sic!). E rappresentanti di Regione e Comune, e pseudovipperia riunita e illuminate dichiarazioni di assessorimozzoni e marchipennesi su quanto è bella e brava Sambenedetto e quanto siamo belli bravi e paraculi noi della F1 del mare…
 
Difficile da credere – in un paese normale - ma tutto vero! Difficile da credere (ma vero) che un Comune (tanto di “Verdi” [?] nella maggioranza…) - seguito da orgiastica processione di fanfare, tamburini e trombettieri di corte - sponsorizzi appoggi festeggi sposi con marcia nuziale e damigelle della sposa un evento disastroso sotto ogni profilo. Ambientale economico turistico. Bandiere Blu sempre più nere. Le libere penne locali in estatica pennesi-contemplazione, sull’attenti a registrare autocelebrazioni di decerebrati - farneticanti ricadute mediatiche e spinte al turismo - “dimenticarono” di intervistare turisti inorriditi da rumore casino puzza, incazzati che non-ci-metteremo-piede-mai-più…
 
Poi ci si mettono un nubifragetto mattutino e  un’elica, una piccola elica infastidita da un rametto di bosco, da un naufrago ramettino galleggiante e ZAC…Qualcuno degli incensatori, goffamente, grattando, tenta la marcia indietro. Naufragando….